Immagine Malagrotta e dintorni: continuano le richieste d’aiuto (inascoltate) da parte dei cittadini che abitano nella zona di Valle Galeria e che, da tempo, lamentano malattie e morti anomale in percentuali rilevanti. Codici ha avviato la campagna “Azione Collettiva Popolare per le morti sospette in Valle Galeria” in conseguenza alle indagini svolte sulla condizione degli abitanti del XV e XVI municipio di Roma; l’Associazione chiede di essere audita in Commissione Sanità e in Commissione Ambiente, per poter illustrare l’attività svolta e le proposte da poter avviare per la risoluzione della critica situazione presente a Valle Galeria.

Immagine

Numerosi studi dimostrano che l’area è fortemente inquinata. Si rileva un’alta incidenza di gravi patologie tra la popolazione, come malattie bronchiali, alla tiroide, alle vie respiratorie, allergie. Altrettanto preoccupanti sono, per via del numero in costante crescita e per l’incidenza decisamente più alta rispetto al resto della città, le morti per tumore alla vescica, ai bronchi, ai polmoni. La grave situazione sanitaria è certamente riferibile alle condizioni di insalubrità ambientale, visto che nella zona sono ubicati la discarica più grande d’Europa, Malagrotta, una raffineria e un gassificatore, i quali tutti concorrono a determinare gravi situazioni di pericolo per l’ambiente e la salute dei cittadini.

Il Codici ha avviato una campagna denominata “Azione Collettiva Popolare per le morti sospette in Valle Galeria” in conseguenza alle indagini svolte prendendo in esame la condizione dei gli abitanti del XV e XVI municipio di Roma in cui si sviluppa la Valle Galeria. “In base ai dati in esistenti, derivanti anche da indagini sull’inquinamento della zona, esiste una netta associazione tra l’inconsueta incidenza di mortalità in loco e i livelli di esposizione al alcune particolari molecole – commenta Marisa Barbieri, Responsabile Codici – Per questo motivo il Codici chiede al Consiglio Regionale di istituire una Commissione d’Inchiesta per accertare la reale incidenza e responsabilità delle numerose morti sospette nella zona di Valle Galeria. L’Associazione chiede di essere audita in Commissione Sanità e in Commissione Ambiente, per poter illustrare l’attività svolta e le proposte da poter avviare per la risoluzione della critica situazione presente a Valle Galeria”.

Home

Advertisements