L’avvocato che monopolizza il sistema delle discariche laziali lo conferma nell’audizione della Commissione

ROMA – Da circa una settimana la voce si era già sparsa tra i cittadini di Riano riuniti, nella mattinata di mercoledì 19, in via della Pisana per protestare contro l’apertura di una discarica d’emergenza (che sostituirà temporaneamente Malagrotta destinata alla chiusura) vicino casa. Questo il passaparola: «Cerroni si è comperato il terreno su cui arriveranno i rifiuti». E in effetti nel pomeriggio della stessa giornata l’ottantaduenne avvocato che da circa un quarantennio monopolizza il meccanismo delle discariche laziali, davanti ai parlamentari della Commissione sul ciclo dei rifiuti che lo hanno convocato in audizione, ha confermato l’indiscrezione. «Il consorzio Colari è ormai proprietario del terreno di Quadro Alto (quello a Riano su cui sorgerà il sito, ndr). Il contratto – sono le parole scandite a deputati e senatori – l’ho firmato dieci giorni fa. Lo ho acquistato in vista della realizzazione dell’impianto».

 

CERRONI: ACQUISTO DAL PRINCIPE BONCOMPAGNI LUDOVISI – Cerroni ha detto di aver acquistato il terreno, 92 ettari «di proprietà del principe Boncompagni Ludovisi», «una decina di giorni fa: in precedenza la proprietà del principe ci aveva concesso un’opzione ma poi in vista della realizzazione della discarica abbiamo acquistato il terreno».

LE CARTE ALLA COMMISSIONE RIFIUTI -Dall’aula della commissione parlamentare presieduta da Gaetano Pecorella, la conferma della compravendita è rimbalzata subito a via della Pisana, dove, sempre nella giornata di mercoledi’ 19, al consiglio regionale si discute del piano rifiuti. Difficile prevedere che succederà, adesso. Sinora si pensava che Cerroni avesse in mano delle semplici opzioni per l’acquisto. Tanto che il prefetto Pecoraro, che ha la delega alla chiusura di Malagrotta, nei giorni scorsi era stato chiarissimo: utilizzando i poteri d’urgenza che consentono l’occupazione immediata, «le opzioni cadono». Ma il contropiede dell’imprenditore ha cambiato lo scenario. E lo stesso Cerroni, sicuro di sè al punto da assicurare che la gestione della discarica gli spetta «per diritto», porterà le sue carte alla commissione parlamentare mostrando «entro pochi giorni l’atto di compravendita» siglato il 13 ottobre di fronte al notaio Paolo Cerasi.

 

CORCOLLE, PROPRIETA’ NEL LICHTENSTEIN – Quanto a Corcolle, l’altro sito (nell’VIII Municipio) che dovrebbe ospitare temporaneamente i rifiuti della Capitale in attesa dei tre anni che occorreranno per realizzare il sito definitivo a Pizzo del Prete (Fiumicino) alla Commissione arriva un’altra rivelazione del battagliero imprenditore: «Il proprietario del terreno a Corcolle-San Vittorino è Salini, ma mi hanno detto che ha venduto ad una società del Leichtenstein».

I VERDI: EMERGENZA STRUMENTALE – Intanto è bagarre alla Pisana. Il presidente dei Verdi Angelo Bonelli parla di «un’emergenza strumentale quella chiesta e ottenuta dalla Giunta Polverini al presidente del Consiglio Berlusconi vista la scoperta che i terreni sono Cerroni».

 

SEL: CORCOLLE E QUADRO ALTO INIDONEI – Filiberto Zaratti, consigliere Sel, sostiene che bisogna «evitare che Corcolle e Quadro Alto diventino due immense buche dove gettare rifiuti perché i due siti non sono idonei. È stata proprio la direzione regionale rifiuti a rigettare nel 2009 la domanda di autorizzazione integrata ambientale (Aia) per realizzare una discarica Quadro Alto (Riano) da 1,2milioni di metri cubi. Non si comprende come ora quel sito possa essere diventato idoneo e ospitarne più del doppio».

POLVERINI: CERRONI, MONOPOLISTA A ROMA – Alle accuse di Bonelli la presidente Polverini ha risposto arrabbiata: «È un consigliere che fa illazioni, peraltro pesanti. Cerroni lavora quasi in regime di monopolio in questa città – ha detto la governatrice – e io sono al governo della Regione soltanto da un anno e mezzo. Bonelli credo abbia delle responsabilità anche di amministrazione. Mi pare di ricordare – ha concluso Polverini – che è stato anche assessore».

Alessandro Fulloni
19 ottobre 2011 20:20

http://roma.corriere.it/

 

 

Advertisements