Il count down è iniziato: la prima settimana di marzo, Brindisi diventerà ufficialmente uno dei luoghi simbolo dell’ innovazione made in Enel. Infatti, tra poco meno di un mese (resta da definire il giorno), l’ azienda guidata da Fulvio Conti inaugura nell’ area adiacente alla centrale termoelettrica Federico II il primo impianto pilota italiano, il secondo in Europa, dove si sperimenta, ormai da alcuni mesi, il sistema d’ avanguardia Ccs (Carbon Capture and Storage) per eliminare l’ anidride carbonica immessa nell’ atmosfera da impianti di produzione di energia da carbone: una fonte fossile con le più alte emissioni di gas serra, circa un terzo a livello mondiale. La nuova sfida di Enel, quindi, entra nel vivo. Ma non senza incognite: perché quella che ha intrapreso l’ azienda italiana, alla stregua dei più importanti colossi del settore, è una corsa contro il tempo nel tentativo di arginare l’ inarrestabile ascesa della CO2, che ha messo in allarme tutte le istituzioni internazionali, i paesi industrializzati e quelli emergenti. Come dimostrano gli investimenti pubblici miliardari attivati per finanziare nuove tecnologie da applicare su impianti a carbone. Con un unico obiettivo: realizzare le centrali del futuro, a zero emissioni di anidride carbonica. Ad oggi, la Ccs che prevede, oltre alla cattura dell’ anidride carbonica dai fumi della centrale, la compressione, il trasporto e lo stoccaggio della stessa in appositi siti sotto terra o sotto il fondale marino è il sistema più sperimentato a livello globale, e in cui Enel è all’ avanguardia. Da qui la decisione di Bruxelles di finanziare il 70% dei 20 milioni di euro investiti nell’ impianto pilota di Brindisi, il 30% è a carico dell’ azienda che, nel piano 20102014, ha previsto un budget per la ricerca in nuove tecnologie di 1 miliardo di euro. «La struttura di Brindisi spiega Sauro Pasini, responsabile Ricerca Enel rappresenta un test importantissimo e un’ opportunità per l’ Italia di essere in prima fila nello sviluppo delle tecnologie più innovative». Si stima che il nuovo impianto sarà in grado di rimuovere 2,5 tonnellate di CO2 l’ ora, circa 20 mila tonnellate all’ anno di anidride carbonica e di liquefarle. Il progetto prevede anche la sperimentazione dello stoccaggio nei campi Eni di Cortemaggiore. «I risultati di questi test, di durata biennale aggiunge Pasini ci consentiranno di sviluppare nei prossimi anni un impianto in piena scala, capace di catturare circa un milione di tonnellate l’ anno di anidride carbonica. Impianto che sarà realizzato a Porto Tolle, in Veneto, dopo la rinconversione a carbone della vecchia centrale a olio combustibile: il progetto entrerà a regime alla fine del 2015 e sarà supportato con un finanziamento di circa 100 milioni di euro. Il 70% sarà finanziato dalla Ue nell’ ambito del programma European Economic Plan for Recovery. Con questa struttura, si chiuderà il ciclo partito in laboratorio». «La nuova centrale a carbone conclude dovrebbe avere uno dei primi sistemi al mondo di cattura della CO2 a piena scala industriale, capace di mangiarsi il 40% delle emissioni di uno dei gruppi da 660 megawatt e di inviarle, via gasdotto, in uno stoccaggio sotterraneo sicuro a 1500 metri sotto il fondo del mare Adriatico». Di fatto, l’ impianto Ccs pugliese rappresenta il primo passo operativo in una tecnologia che sta raccogliendo sempre più sostenitori a livello mondiale. Enel infatti ha ottenuto il riconoscimento della Ue, oltre che per il progetto pilota di Brindisi e quello dimostrativo di Porto Tolle, anche per l’ impianto di ossicombustione a Compostilla (Spagna). Ma la tecnologia Ccs è anche al centro di accordi internazionali come quello siglato in novembre dall’ ad Fulvio Conti e da Kim SsangSu, ceo e presidente della Korean Electric Power Corporation (Kepco): un memorandum of understanding per sviluppare la cooperazione nei settori dei sistemi di rete, in particolare delle reti intelligenti (Smart grids), e delle tecnologie per la riduzione delle emissioni di gas serra con attività di Ccs. – VITO DE CEGLIA

Fonte: Affari e Finanza (repubblica)

Annunci