Sulla questione rifiuti torna ad allungarsi l’ombra di Acea. L’ultimo in ordine di tempo a proporre l’ingresso della multiservice capitolina – in tandem con Ama – per gestire il dopo Malagrotta è stato il democrat Esterino Mondino. Secondo l’ex presidente regionale, oggi alla guida del gruppo Pd alla Pisana, “dovrebbe essere Acea ad occuparsi della gestione industriale dei rifiuti puntando alla creazione di energia, lasciando ad Ama la parte della raccolta”. “Anche perchè – prosegue Montino – Ama, con Alemanno, è diventata un baraccone, un’azienda mal gestita e più vulnerabile”.
Acea dal canto suo non ha ancora espresso una posizione ufficiale. I tecnici dell’agenzia comunale per l’energia e l’acqua stanno studiando la situazione per capire la fattibilità dell’operazione. Contrarietà di principio, secondo quanto appreso da Online News, non ci sarebbero. Tutto sta ora nella valutazione – positiva o negativa – che Comune e Regione daranno alla proposta. Nelle prossime settimane è atteso un vertice con istituzioni e vertici di Ama per fare il punto della situazione.

Fonte: online-news

Annunci