In arrivo un programma di lavoro per risolvere l’emergenza rifiuti in Campania. Ieri a Palazzo Chigi è stato sottoscritto e condiviso un nuovo piano al termine di una riunione presieduta dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta. All’incontro hanno partecipato il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, il sindaco di Napoli, Rosa Russo Jervolino, i presidenti ed i prefetti delle province campane, il responsabile della Protezione civile, Franco Gabrielli. II documento che è stato ampiamente condiviso da tutti i presenti prevede l’impegno di Palazzo Chigi a predisporre 2 o 3 emendamenti al decreto legge rifiuti che è all’esame del parlamento. Con le modifiche si intende dare una garanzia certa sui contratti per i lavoratori impegnati nelle società che dovranno costruire il nuovo termovalorizzatore di cui si deve ancora individuare il sito. Inoltre il documento prevede che venga definita la interconnessione tra l’attività della nuova infrastruttura e la produzione e lo scambio di energia elettrica sul territorio. Per ovviare ai vincoli della normativa europea, infine è stato previsto che per la realizzazione di questa opera verrà formalizzato il pieno rispetto dei codici peri lavori pubblici e del codice per l’ambiente. Oltre ai ritocchi in fase di conversione del decreto è poi prevista un’ordinanza del presidente del consiglio dei ministri o in subordine del dipartimento della protezione civile di cui però ancora non si conoscono i contenuti. Dopo l’incontro Caldoro ha assicurato che «entro il i5 gennaio verrà risolta la situazione delle giacenze dei rifiuti nella provincia di Napoli». La soluzione «verrà realizzata utilizzando le strutture extra provinciali e provinciali che hanno subito in passato la crisi del sito di Cavasari», ha spiega Caldoro. Al termine della riunione è stato deciso di convocare un nuovo tavolo tecnico per esaminare nel dettaglio il tema delle criticità finanziarie legate ai rifiuti per lunedì prossimo.

Fonte: sole 24 ore

Annunci