È stato siglato a Palazzo Chigi un piano di lavoro per affrontare l’emergenza rifiuti in Campania. La riunione, presieduta dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta, ha visto al tavolo anche il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, il sindaco di Napoli, Rosa Russo Jervolino, i presidenti e i prefetti delle province campane, il responsabile della Protezione civile, Franco Gabrielli. «Con il governo è stato firmato un ordine del giorno che in sostanza è un impegno comune per risolvere il problema dei rifiuti nella provincia di Napoli», ha annunciato il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro.
Entro il 15 sarà risolta la situazione delle giacenze della provincia di Napoli
Caldoro ha detto che «entro il 15 gennaio verrà risolta la situazione delle giacenze dei rifiuti nella provincia di Napoli». Saranno utilizzate «le strutture extra provinciali e provinciali che hanno subito in passato la crisi del sito di Cavasari». Caldoro ha sottolineato che «dopo aver completato la prima fase del programma con la ripulitura di Napoli, stiamo procedendo alla soluzione operativa per la provincia. Abbiamo cominciato a mettere in campo tutte le azioni a medio termine utili al conseguimento del risultato che ci siamo preposti, che verranno realizzate con il sostegno delle altre province della Campania e delle altre regioni che hanno dato la loro disponibilità ad aiutarci». Tuttavia, ha sottolineato il governatore, «è bene ricordare che non ci troviamo al momento in una fase d’emergenza e quindi non ci sono poteri commissariali. Ognuno deve fare la propria parte e quindi le discariche necessarie dovranno essere attivate dalle province interessate. In questo senso ad esempio – ha concluso – c’è già un impegno con il sindaco di Macchia Soprana, in provincia di Salerno, per la riapertura della locale discarica».

Lunedì 10 gennaio tavolo tecnico sulle criticità finanziarie
Una nota diffusa da Palazzo Chigi al termine dell’incontro ha reso noto che è stato «sottoscritto un documento e condiviso un piano di lavoro, in linea con il senso di piena e alta responsabilità e collaborazione fra tutte le istituzioni coinvolte». Per lunedì prossimo è stato convocato un tavolo tecnico per esaminare nel dettaglio il tema delle criticità finanziarie legate ai rifiuti.

Napolitano ottimista sull’emergenza rifiuti
Il capo dello Stato è ottimista sull’emergenza rifiuti a Napoli. Nel corso della visita privata a Napoli Napolitano ha parlato dell’evoluzione della situazione a Napoli, in particolar modo sulla crisi dei rifiuti. «Ho trovato molto impegnati il sindaco Rosa Russo Iervolino e il presidente della Regione Stefano Caldoro». E al di là «di ogni schermaglia – ha aggiunto – pare che ci sia un clima in questo momento molto costruttivo che lascia ben sperare».

Fonte: sole 24 ore

Annunci