E’ guerra aperta tra la provincia di Salerno guidata dal senatore Edmondo Cirielli (nella foto) con l’amministrazione comunale guidata da Enzo De Luca. Il consiglio comunale ha deliberato la variante urbanistica riguardante l’area in cui è previsto che sorga il termovalorizzatore. Un terzo dell’area, pari a circa 60 mila metri quadrati, secondo quanto votato dal Consiglio comunale, viene destinata alle attività produttive e dunque sottratta alla disponibilità per realizzare il termovalorizzatore. Una marcia in dietro che il sindaco De Luca ha più volte annunciato all’atto delle disposizioni governative che confermano le competenze per gli inceneritori alle Province.
Oggi la giunta provinciale di Salerno, riunitasi a Palazzo Sant’Agostino, ha deliberato l’impugnativa con mandato all’avvocato Lorenzo Lentini, ritenendo l’atto approvato dal Consiglio comunale di Salerno ”illegittimo e illecito”. E’ quanto annuncia l’assessore provinciale ai Lavori pubblici Marcello Feola, a conclusione dei lavori della giunta. Per Feola il sindaco De Luca sta facendo “terrorismo istituzionale, tentando di non far partecipare le ditte alla gara d’appalto per la realizzazione dell’impianto”.

Fonte: denaro.it

Annunci