Task force dell’esercito in centro. In strada 900 tonnellate

NAPOLI (15 dicembre) – Un flop l’ordinanza del Comune per fare fronte all’emergenza rifiuti. Pochi controlli, pochissimi quelli che rispettano le direttive di Palazzo San Giacomo. Così, la città è invasa dai cartoni mentre la verdura continua ad essere venduta con tutto il fogliame. Insomma, ci si aspettava di più. Sono state emesse, contro i trasgressori, 3975 notifiche mentre i verbali si sono fermati a quota 284. L’impressione è che l’ordinanza fu varata per mettere una pezza sulla differenziata che continua a marciare a ritmi ridotti piuttosto che per cambiare strutturalmente il ciclo dei rifiuti.

La Puglia. Intanto, la Puglia ha deciso di bloccare la spazzatura arriva dalla Campania: 180 tonnellate di frazione organica dirette alla Italcave di Statte sono state infatti rispedite al mittente perché i sei camion utilizzati per il trasporto non erano sigillati adeguatamente. Infine, Berlusconi assicura: la città tornerà pulita in due giorni.

La Iervolino: la situazione è buona. Ancora tra le 800 e le 900 tonnellate di rifiuti non raccolte giacciono nelle strade di Napoli. È quanto fa sapere il sindaco Rosa Russo Iervolino che dice: «La situazione è abbastanza buona, siamo abbastanza vicini alla pulizia generale». «La mia preoccupazione costante – ha però sottolineato – è che il fenomeno si ripeta perché soluzioni strutturali non ce ne sono». «Oggi – ha aggiunto – il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, andrà alla commissione parlamentare sui rifiuti e speriamo che in quella sede indichi qualche soluzione strutturale, altrimenti il problema non è più quello di pulire Napoli, ma di non sporcarla di nuovo». Sulla questione rifiuti respinti ieri dalla Puglia, la Iervolino ha spiegato che «non c’è stata la coincidenza di codici tra quanto concordato tra l’assessore all’ambiente della regione Campania Giovanni Romano e quello pugliese, ma è una cosa alla quale si rimedia».

Task force dell’Esercito. La task force del Genio militare dell’Esercito è, in queste ore, impegnata nella rimozione e disinfezione dei cumuli di rifiuti tra viale Maddalena e piazza Carlo III, a Napoli. Le operazioni, che stanno avvenendo con l’ausilio di ruspe e camion movimento terra, sono precedute dall’intervento del nucleo disinfestori della sanità militare in azione prima dei prelievi per abbassare la carica batteria della spazzatura e, dopo la rimozione, per bonificare l’area liberata dai rifiuti. Sul posto si trova anche il capo dell’unità operativa della struttura per l’emergenza rifiuti in Campania generale Antonio Monaco, che sta coordinando gli interventi in sinergia con l’Asia e la polizia municipale di Napoli. Oltre che in città, l’Esercito sta agendo anche in provincia, a Giugliano in Campania (Napoli). Intanto proseguono le ricognizioni dei militari nei comuni che ne fanno richiesta al fine di valutare gli interventi. Tra questi figurano Pozzuoli, Bacoli, Sant’Antimo, Monterusciello e Sant’Antonio Abate.

fonte: il mattino

Annunci